PONTEWEB

Ponte dell'Olio

online dal 2004

Solidarietà alimentare

12/09/20 PonteWeb

20979solidarietaalimentareIl 06/04/2020 l’Amministrazione comunale segnalava la possibilità di effettuare donazioni sul c/corrente del Comune per sostenere l'iniziativa di solidarietà alimentare legata all'emergenza epidemiologica da COVID-19  FONTE 
Abbiamo chiesto più volte agli Amministratori comunali di dirci a quanto ammontasse tale somma e come era stata spesa. Richiesta inascoltata.
Oggi ne scopriamo l’entità sulla determina 298 del 09/09/2020  FONTE : la somma raccolta è di 1.020 euro che, con l’atto citato, viene trasferita nelle casse dell’Unione Montana Alta Val Nure .
Rimane quindi in sospeso il quesito relativo all’utilizzo di questa somma.
Attendiamo fiduciosi che la politica locale, in TRASPARENZA, relazioni in merito alle tipologie di utenti beneficiari della solidarietà dei pontolliesi.

👨
Ilfontanasso   Da quando in piena serrata covid ho chiesto su ponteweb di come contribuire alla caritas parrocchiale vista lo stop alle messe (che erano occasioni di raccolta fondi)... ho continuato a privilegiare tale soluzione e ne sono ben contento 13/09/20
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Sport e periferie: il progetto

12/09/20 Marco

8727progettosporteperiferie 8727progettosporteperiferieCon la delibera n. 81 del 08/09/20 la Giunta Comunale del nostro paese decide di mettere a disposizione € 8.500,00 per assegnare un incarico professionale finalizzato alla presentazione di un progetto nell’ambito del bando “Sport e Periferie 2020”  FONTE 
La delibera indica solo l’area interessata dal progetto (vedi immagine) senza dare alcuna informazione ai cittadini sulla riqualificazione che si intende fare.
Nella delibera vi sono alcuni passaggi che meritano di essere evidenziati e, forse, chiariti.
Iniziamo dalla tempistica: “CONSIDERATI i termini estremamente ravvicinati per la presentazione di proposte (30settembre 2020) e la specificità delle professionalità richieste per approfondire adeguatamente i tematismi ricreativi ed ambientali che si intendono valorizzare”
Il bando è stato pubblicato il 12/05/20  FONTE , i termini di presentazione andavano dal 20/07/20 al 30/09/20  FONTE , è evidente che se non ci si ragiona a tempo debito, i tempi poi stringono…
In un passaggio successivo, tuttavia, la Giunta Comunale sembra contraddirsi, allorquando recita: “PRESA VISIONE delle ipotesi progettuali ed economiche già acquisite in atti e ritenute le stesse confacenti agli obiettivi di questa Amministrazione comunale”.
Quindi alla data della presente delibera, ci sono già “…ipotesi progettuali ed economiche già acquisite in atti….”.
Chi le ha fornite queste ipotesi progettuali? Le ha fornite di propria iniziativa? Oppure su richiesta di qualcuno?
E’ opportuno conoscere questa informazione per capire, in futuro, se si rileverà un nesso fra l’estensore di queste ipotesi progettuali e il futuro professionista incaricato del progetto.
Essendo le “ipotesi progettuali ed economiche già acquisite in atti”, gli amministratori possono renderle pubbliche #amicocomunetrasparente; in alternativa, per poterle conoscere, sarà necessario avviare la procedura FOIA di accesso.
Purtroppo non è tutto, la delibera prosegue in questo modo: “PRECISATO, altresì, che l’Amministrazione comunale, qualora risultasse accolta l’istanza di contributo, avvierà tutte le conseguenti procedure per acquisire la disponibilità dei terreni non di proprietà comunale”.
Questo significa che l’Amministrazione “ordina” un progetto, al costo di € 8.500,00, che prevede la realizzazione di opere anche su proprietà di altri. Quindi se il progetto venisse finanziato servirà avviare le procedure per acquisirne la disponibilità. Chissà se in modo bonario o no……
In avvio di Consigliatura, a più riprese, si inneggiava alla programmazione, come metodo di svolta/rottura con il passato. La delibera di cui sopra ne è la fedele rappresentazione.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro
Saluti a tutti.
Marco Boselli

👨
Marino   La Presidenza del Consiglio dei Ministri, con un decreto del 18 settembre 2020, ha stabilito che il termine di scadenza per la presentazione delle domande di contributo, a valere sulle risorse del Fondo sport e periferie di cui al Bando sport e periferie 2020, è prorogato al 30 ottobre 2020 (precedente scadenza 30/09/2020)  FONTE  22/09/20
👨
Marco   Mi sembra di poter dire che per la nostra comunità sia un’ottima notizia; un mese di tempo in più per presentare il progetto nell’ambito del bando Sport e Periferie 2020 dà sicuramente modo al professionista, che ha ricevuto o sta per ricevere l’incarico (a tutt’oggi non vi è in merito alcuna pubblicazione sull’albo pretorio), di lavorare con un poco più di calma e serenità, condizioni che sicuramente si rifletteranno nella qualità del progetto presentando. Come comunità rimaniamo in attesa di conoscere chi sarà l’incaricato e come si intende utilizzare quella parte del paese a tutti molto nota.
Saluti a tutti.
Marco Boselli 23/09/20
👨
Marco   I termini di presentazione delle domande di ammissione al Bando Sport e Periferie 2020 è stato prorogato, oppure è rimasto fermo al 31/10/2020? Nel caso non fosse stato prorogato, il nostro Comune ha poi presentato domanda di ammissione al contributo previsto dal Bando?
Chi lo sa, speriamo che fra le varie comunicazioni i nostri Amministratori si ricordino di informarci in merito.
Saluti a tutti.
Marco Boselli 30/10/20
👨
Marco   Chissà se é poi stata data attuazione alla delibera n. 81 del 08/09/2020 con la quale si mettevano a disposizione € 8.500 per incarico professionale finalizzato alla presentazione di un progetto nell’ambito del bando "Sport e Periferie".
Cissà se detto progetto è poi stato presentato dal nostro Comune.
Nel solco della tanto inflazionata trasparenza, qualche informazione presto o tardi sarà dovuta ai Pontolliesi.
Saluti a tutti.
Marco Boselli 30/11/20
👨👨👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Meglio tar(d)i che mai

12/09/20 Smemorato di Collegno

Per chi non avesse già provveduto, ricordiamo che il 15 settembre scade la prima rata della Tari (tassa rifiuti), oggetto a suo tempo di un rinvio rispetto alle scadenze tradizionali. I bollettini precompilati (modello F24 semplificato) sono stati inviati dal Comune un paio di mesi fa...


 👓 Leggi tutto...  
                         

Ozono: luci ed ombre

11/09/20 Marino

17082dilantL'ozono è un gas instabile pericoloso. Può essere utilizzato per sanificare gli ambienti solo seguendo scrupolosamente le previste procedure.
Il Rapporto dell’Istituto Superiore della Sanità 56/2020  FONTE_PDF  del 23 luglio 2020 riporta: “L’ozono è una sostanza pericolosa che provoca danno alle membrane cellulari con lesioni dei tessuti direttamente esposti: sistema respiratorio, occhi, mucose, cute. Studi epidemiologici hanno documentato effetti infiammatori e una maggiore suscettibilità alle infezioni respiratorie associati all’uso di ozonizzatori per la purificazione dell’aria, soprattutto da parte di soggetti vulnerabili come i bambini (pag.V)
• Altri pericoli comprendono il danno ossidativo ad alimenti, attrezzature e altri materiali presenti negli ambienti trattati: in particolare, un’alterata funzionalità delle attrezzature di lavoro può essere associata a rischi per la salute (pag.11)
• Le autorità competenti tedesche hanno manifestato l’intenzione di proporre per l’ozono una classificazione ed etichettatura armonizzate anche come mutageno di categoria 2 e cancerogeno di categoria 2 (sostanze di cui si sospettano effetti cancerogeni per l’uomo). Le stesse Autorità Competenti tedesche stanno effettuando per l’ozono, come previsto dal programma di valutazione di tutte le sostanze attive biocide, una valutazione delle eventuali proprietà come interferente endocrino (pag.3)
• Esposizioni di alcune ore a livelli di ozono a partire da 0,2 mg/m3 (espressi come media oraria) sono in grado di causare sintomi irritativi sulle mucose oculari e sulle prime vie respiratorie; riduzioni transitorie della funzionalità respiratoria sono state osservate in bambini anche a livelli inferiori di ozono (0,12 mg/m3). Gli effetti a breve termine sono generalmente reversibili, vale a dire che cessano una volta che gli individui non sono più esposti ad elevati livelli di ozono. È possibile però che i danni derivati da esposizioni ripetute possano indurre cambiamenti permanenti del polmone, con effetti a lungo termine, con riduzione della funzione polmonare (pag.4)
• In condizioni reali il tempo di decadimento naturale necessario per rendere accessibili i locali è di almeno 2 ore e comunque fino a raggiungere una concentrazione residua inferiore alla soglia di percettibilità olfattiva per l’uomo, compresa tra 0,02 e 0,05 ppm, e pari a circa 1/10 della soglia di 0,2 ppm definita sicura negli ambienti di lavoro per un tempo di esposizione massimo di 2 ore (pag.5)
• Pertanto è necessario adottare tutte le possibili precauzioni incluse operazioni finalizzate a ridurre la concentrazione residua di ozono e le concentrazioni degli inquinanti che si possono formare per reazione secondaria tra ozono e composti organici volatili (es. formaldeide e altre sostanze di particolare interesse igienico-sanitario) (pag.5)
• Prima di ricorrere all’utilizzo dell’ozono per il trattamento di locali è necessario valutare il rischio di esposizione sia degli operatori preposti alle operazioni di sanificazione, sia del personale che fruisce dei locali sanificati (pag.VI)
Prima di soggiornare negli ambienti trattati, occorre portare sotto i livelli ammessi l’ozono utilizzato. Le tecnologie convenzionali per la sua rimozione dall’aria si basano sull’impiego di filtri a carbone attivo o di catalizzatori a base di metalli nobili o di ossidi di altri metalli di transizione. Tra le tecnologie emergenti è particolarmente promettente l’ossidazione fotocatalitica. (pag.VI)
• L’ozono è un forte agente ossidante pertanto, può danneggiare sia dal punto di vista funzionale che estetico (colore, resistenza, durata, ecc.) materiali e attrezzature presenti nei luoghi di lavoro, creando nuovi rischi in relazione alla alterata funzionalità delle attrezzature di lavoro o generando costi aggiuntivi per le aziende in relazione alla necessità di ripristinare/sostituire i materiali o le attrezzature danneggiate (pag.10)
• Diversi studi legati all’uso di ozonizzatori per la purificazione dell’aria da inquinanti chimici documentano gli effetti infiammatori e una maggiore suscettibilità alle infezioni respiratorie legati alla presenza di ozono, soprattutto nella popolazione più vulnerabile come i bambini (Salonen et al., 2018; Kunkel et al., 2010; Tricheet al., 2006; Mudway et al., 2000; Levy et al., 2001). (pag.12)


 👓 Leggi tutto...  
                         

Tragedie stradali

11/09/20 Testa quadra

Zahir El Harti era poco più di un fantasma: qualche lavoretto nei campi, o per la gente del paese che magari aveva bisogno della legna da tagliare. Pochi amici, nessun parente accanto, una casa a Rio che nemmeno gli amici conoscevano. E anche nella morte Zahir è stato dimenticato: chi l'ha investito lungo via Cà de Frati, nemmeno quarantotto ore fa, non si è curato di lui, l'ha lasciato per strada forse agonizzante, fino alla fine. Poi col suo trattore sporco di sangue ha fatto pochi chilometri e ha continuato a lavorare i campi. Fino alle manette.
Che sono scattate ieri grazie alle indagini degli agenti del distaccamento di polizia stradale di Guastalla, con l'aiuto della polizia locale dell'Unione Pianura Reggiana e il coordinamento del sostituto procuratore della repubblica Laura Galli, che della fine di Zahir, invece, si sono presi a cuore. In una dozzina di ore hanno identificato e arrestato (ora è ai domiciliari) il conducente di un trattore che ha investito e ucciso Zahir.
Il contadino residente a Rolo, nel primo pomeriggio di martedì, era alla guida del suo trattore con rimorchio, quando lungo un rettilineo ha trovato Zahir che pedalava lentamente davanti a lui. Per superarlo, l'ha affiancato e l'ha urtato forse con il rimorchio. Zahir è stato risucchiato sotto le ruote grandi del mezzo agricolo, forse trascinato. L'hanno trovato morto ancora aggrappato alla sua bicicletta in un lago di sangue. Ma l'uomo alla guida del trattore si è allontanato come non se fosse successo nulla. Le tracce raccolte e l'analisi dei video delle telecamere hanno permesso di individuare il trattore. Presentava ancora evidenti tracce di sangue nella parte sotto il rimorchio e nonostante il trattore abbia continuato a fare il suo lavoro nei campi ad alcuni chilometri dal luogo dell'investimento. Agli agenti, il contadino ha spiegato di non essersi accorto di nulla. Una eventualità che gli investigatori escludono, vista la dinamica dell'incidente. Ora deve rispondere di fuga e omissione di soccorso in omicidio stradale: rischia una pena non inferiore ai 5 anni.
(dalla "Gazzetta di Reggio" di giovedì 10 settembre, articolo di Cristina Orsini a pag. 3)


 👓 Leggi tutto...  
                         

I Sapori del Borgo

10/09/20 Marco

20691saporidelborgoApprendiamo che alcuni giorni fa si è deciso di affidare l’organizzazione della Fiera I Sapori del Borgo 2020 alla ditta BLACK LEMON s.r.l.  FONTE ; la stessa ditta che è stata affidataria diretta dell’organizzazione della Fiera di S. Rocco 2020  FONTE .
In entrambe le determine di affidamento, viene richiamata, fra i riferimenti normativi, la delibera ANAC n. 4 del 26/10/2016. Detta delibera ANAC, al punto 3.2 lettera i) prevede:
”Nell’espletamento delle procedure semplificate di cui al richiamato articolo36, le stazioni appaltanti garantiscono in aderenza” “al principio di rotazione degli inviti e degli affidamenti, il non consolidarsi di rapporti solo con alcune imprese, favorendo la distribuzione delle opportunità degli operatori economici di essere affidatari di un contratto pubblico”
Sempre la medesima al punto 3.6 prevede:
“Si applica il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti, con riferimento all’affidamento immediatamente precedente a quello di cui si tratti, nei casi in cui i due affidamenti, quello precedente e quello attuale, abbiano ad oggetto una commessa rientrante nello stesso settore merceologico, ovvero nella stessa categoria di opere, ovvero ancora nello stesso settore di servizi. Il principio di rotazione comporta, di norma, il divieto di invito a procedure dirette all’assegnazione di un appalto, nei confronti del contraente uscente e dell’operatore economico invitato e non affidatario nel precedente affidamento...”
Per completezza d’informazione la stessa delibera ANAC n. 4, prevede la possibilità di derogare, solo argomentando, illustrando dettagliatamente le motivazioni per cui NON si è applicato il principio di rotazione.
Argomentazioni che nella già menzionata determina 291 di affidamento MANCANO.
Alla luce di quanto sopra, prima che l’affidatario proceda a lavorare sul progetto, prenderei in seria considerazione l’eventualità di ritirare la determinazione 291 affinché non si corra il rischio di entrare in contrasto con i riferimenti normativi (delibera ANAC n. 4) esponendo l’Ente a possibili ricorsi.
Saluti a tutti.
Marco Boselli

👥
PonteWeb   Il Sindaco scrive sui social: "I Sapori del Borgo - La realizzazione della 350’ edizione della Fiera di San Rocco, prima manifestazione di tale tipologia svoltasi in provincia di Piacenza in tempo di Coronavirus, è stata un importante banco di prova per il nostro territorio.
Ponte dell’Olio ha aperto la strada e indicato la via.
L’imperativo, adesso e sempre, è andare avanti: in sicurezza e con senso di responsabilità, nella massima e doverosa umiltà dettata dai tempi che corrono.
Confermata, nella piena fiducia, la collaborazione con Blacklemon.
Preparativi in corso. Obiettivo 8 novembre 2020."
14/09/20
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Asilo nido

09/09/20 Marco

11502nidoAlla fine, il Nido di Ponte dell’Olio aprirà il prossimo 14 Settembre.
Nel comunicato ufficiale della nostra Amministrazione si legge che le “criticità riscontrate nella proposta di nuova contrattualizzazione…” sono state superate durante il recente incontro con il Concessionario/gestore del servizio.
L’argomento, oggetto di acceso dibattito sul web locale, è effettivamente molto delicato, vuoi per gli aspetti educativi (si parla di bambini sotto i 36 mesi di vita), vuoi per le ricadute in termini di gestione familiare.
Negli interventi web sull’argomento, la nostra Amministrazione ha espresso un paio di concetti che mi hanno colpito.
Il primo aspetto: l’Amministrazione si lamentava di alcuni paragoni che i concittadini facevano in merito a questo tipo di servizio, ritenendo ogni paese un piccolo mondo. A me pare invece che i riferimenti più appropriati siano proprio le condizioni di svolgimento del servizio nei paesi della nostra “taglia”. Per condizioni intendo: durata del servizio lungo tutta l’annualità, articolazione giornaliera del servizio, quindi varie fasce di orario di inizio e fine giornata (tempo pieno, part time ecc.) e accessibilità al servizio in termini di costi. Infatti la funzione dell’Amministrazione è proprio quella di rendere attraente il servizio. E la misura della qualità dell’attrattività è data dal numero di adesioni al servizio (quanti saranno i bambini ospitati nel nido il 14 settembre ? #amicocomunetrasparente).
Il secondo aspetto: l’Amministrazione ha tenuto a precisare, nel dibattito sull’argomento, di essersi riservata tempo (posticipo dell’apertura) per non sperperare denaro pubblico.
Se ci si ferma alla stretta affermazione è sicuramente un proposito sul quale nessuno sano di mente ha da ridire. Ma qui si stava parlando di attivare un servizio che la Legge definisce “essenziale” , in cui l’aspetto economico non va trascurato, ma che è secondario alla disponibilità del servizio, che, come detto in precedenza, riveste una grande importanza nella società di oggi e nella strategia di sopravvivenza della nostra comunità #nobambininofuturo.
Piuttosto si imporrà un’analisi a 360° con lo scopo di rendere attrattivo il servizio perché le scarse adesioni degli ultimi anni, sono un problema.
In ogni caso tutto è bene ciò che finisce bene, e l’opportuna accelerazione nel risolvere le criticità ha colto il desiderio di gran parte della cittadinanza.
Saluti a tutti.
Marco Boselli


 👓 Leggi tutto...  
                         

Piovono polpette anche sull'Unione

09/09/20 PonteWeb

16921piovpolp 16921piovpolpIl Governo ha stanziato altri fondi COVID (contributi straordinari) per le Unioni di Comuni.
Ne beneficiamo anche noi attraverso la nostra Unione Alta Val Nure che riceverà 36.922 euro.


 👓 Leggi tutto...  
                         

Il nido riapre lunedì 14 settembre

09/09/20 PonteWeb

4122nidoCosì informa il comunicato pubblicato sul sito del Comune  FONTE .


 👓 Leggi tutto...  
                         

Libera chiesa in libero stato

08/09/20 San Giacomo

D'accordo, gli agenti erano in servizio sulla strada lì davanti. Ma un'auto della polizia in sosta sul sagrato della chiesa in tanti anni non l'avevo mai vista. Fino alle 11,30 di stamattina...


 👓 Leggi tutto...  
                         
 <<< 
Pagina 58 di 342
 >>> 
Privacy Policy e Disclaimer