PONTEWEB

Ponte dell'Olio

online dal 2004

E poi non stupiamoci se la gente scappa da Ponte !!!

18/09/19 Marino

22774rifpode64000 22774rifpode64000Il Consiglio comunale ha liquidato la tariffazione puntuale con 22 laconiche parole: "La tariffazione puntuale risulta non attuata e non attuabile senza la conclusione dell’iter di affidamento del contratto di servizio dei rifiuti". Fine.
Prendo atto e spero di poter scrivere, prossimamente, di convinte azioni (anche legali) da parte dei nostri amministratori comunali relative ai danni economici che dobbiamo subire a causa dell'impossibilità di avviare la tariffazione puntuale.
13231ridriuricA prescindere dall'avvio della tariffazione puntuale, ci sono altre iniziative che si possono mettere in atto per migliorare la gestione dei rifiuti (e per poter beneficiare di tariffe TARI più contenute): il riuso, il riciclo, una maggiore e migliore raccolta differenziata, e soprattutto la riduzione dei rifiuti prodotti.
E poi ci sono comportamenti da promuovere (es.informazione e formazione), ci sono controlli da fare sui quantitativi conferiti (es.pesatura in loco), ci sono miglioramenti organizzativi (es.evitare che chiunque possa scaricare rifiuti nella nostra area ecologica), ci sono azioni repressive per chi trasgredisce (es.fototrappole), ecc.
Come diceva qualcuno... Ognuno di noi può suonare la sua parte ma.... se il direttore d'orchestra non dà il tempo, l'orchestra non può suonare come dovrebbe...

👨
Semplice abitante di ponte   Delle due, l’una: o non era vero che era pronta la tariffazione puntuale come detto dalla precedente amministrazione, o questa amministrazione non accelera su questo aspetto, che non è da poco. Un costo che può essere ridotto ma non si riduce, equivale a una tassa e non viene incontro a quanto dichiarato da questa amministrazione. Vorrei tanto sapere chi ha ragione e avere chiarimenti meno nebulosi e fumosi da parte dell’amministrazione attuale 19/09/19
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Tariffazione puntuale: i mesi passano ma nessuno ne parla

17/09/19 Marino

Fondamentale per la riduzione della TARI è il passaggio alla tariffazione puntuale (meno rifiuti produci, meno paghi).
24tari2019 24tari2019Libertà del 23 giugno 2019 riportava autorevoli interventi a testimonianza di come una corretta gestione dei rifiuti possa portare a risparmi sulla TARI "anche del 25%" (e, tanto per non dimenticarlo, allego la tabella che mostra quanto paga di TARI nel 2019 una famiglia di due persone che vive in una abitazione di 120mq a Pontedellolio = 226 €/anno  FONTE  piuttosto che a Podenzano = 102 €/anno  FONTE ).
Siccome siamo quasi a fine settembre e sull'argomento rifiuti "tutto tace" (non ho notizia di alcun preparativo, né di alcuna riunione informativa, né tanto meno formativa) mi dispiacerebbe se gli amministratori non raggiungessero l'obiettivo di farci entrare in regime di tariffazione puntuale a partire dal 1 gennaio 2020 (in modo tale da beneficiare già dal 2020 di un Piano Finanziario concordato con ATERSIR e Iren di valore più contenuto e quindi con un immediato significativo riflesso sui nostri portafogli).

👨
Marino   Il Sindaco mi ha informato che l’argomento è stato oggetto delle comunicazioni inziali dell’ultimo Consiglio comunale: "La tariffazione puntuale risulta non attuata e non attuabile senza il completamento dell’iter di affidamento del contratto di servizio dei rifiuti." 17/09/19
👨
San Tommaso   E fare questo completamento, a chi spetta: a Iren, al Comune o qualche altro ente? 17/09/19
👨
Marco   Mentre passare volontariamente alla tariffazione puntuale, come alcuni altri comuni già fanno, anziché “obbligatoriamente “ come sembrava essere a decorrere dal prossimo 01/01, non sarebbe possibile?
Saluti a tutti
Marco Boselli 18/09/19
👨👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Cento misure e un taglio solo

16/09/19 Tafazzi

A proposito della nuova viabilità (con effetto chicane): la fioriera posta stamane sul borgo prima della via Acerbi (a rendere ostica la svolta delle auto in tale via a senso unico) mi pare una... stupidaggine! Forse è il caso di collocarla meglio...

👨
Black&White   E infatti risulta che stamattina, dopo aver chiuso di nuovo la borgata, le stessero riposizionando, pare dopo che un veicolo, nel girarci intorno, aveva urtato l’edificio accanto..Che dire? Una vera genialata quelle fioriere, di chi le ha collocate, ma soprattutto di chi le ha pensate..
Non resta che attendere il prossimo "incidente", non ci vorrà molto, credo.. 18/09/19
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Scissione

15/09/19 Benedetta

Grazie al provvidenziale arrivo di tre nuovi iscritti, la ex prima elementare a sezione unica dello scorso anno scolastico viene ora divisa in due sezioni (rispettivamente di 14 e 15 alunni) per fare la seconda nell'anno che sta per iniziare. Immagino per la felicità di famiglie e docenti interessati...
Fonte della notizia: i fogli con la composizione delle due classi, datati 13 settembre ed esposti all'ingresso della scuola.


 👓 Leggi tutto...  
                         

Azzeramento retta asilo nido

15/09/19 Marino

E a Ponte dell'Olio, come siamo messi ?
20493asilonido2019 20493asilonido2019


 👓 Leggi tutto...  
                         

La Lega e il Sindaco di Ponte dell'Olio

14/09/19 Marino

8149chiesalega 8149chiesalegaSe fino ad oggi ho considerato il sindaco di Ponte dell'Olio come colui che, fuori dagli schemi, da indipendente, è riuscito ad ottenere l'appoggio dei tre principali partiti posizionati verso destra, adesso prendo atto che, invece, egli è "un amministratore locale " del partito politico "Lega Nord per l'indipendenza della Padania".
Ricordo quando, nel Consiglio comunale del 18 febbraio 2015, fu pronunciata la frase: "io rispondo solo ai cittadini pontolliesi, e non ai partiti".
Il mondo cambia... la vita cambia... e la vita ci cambia... e si #voltapagina?

👨
Black&White   Mah..se uno si candida a sindaco e fa campagna elettorale con un logo che contiene i tre simboli dei partiti di centrodestra, a me sembra ci sia ben poco di "indipendente" e "fuori dagli schemi"..era più che evidente fin dall’inizio, al di là di qualche frase buttata lì in passato.. 16/09/19
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Baratto amministrativo: lavoro in cambio di tasse

13/09/19 Marino

5115barammcastelsangiovanni 5115barammcastelsangiovanniIl Baratto amministrativo dà la possibilità, a chi si trova in difficoltà economica oppure ha un basso reddito, di pagare i tributi comunali mediante lo svolgimento di lavori socialmente utili.
Anche a Ponte potrebbe essere utilizzata questa opportunità (il Consiglio comunale del 02 febbraio 2016, su mozione di Reboli-Chiesa, all'unanimità, ha impegnato l'Amministrazione a "introdurre il cd. “Baratto amministrativo” e a definire i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi da parte di cittadini in comprovata difficoltà economica, quale contropartita al versamento dei tributi locali."  FONTE ) .
Ad oggi però, non essendo ancora stato prodotto il regolamento con i criteri e le condizioni per poter rendere operativo il Baratto amministrativo, i cittadini pontolliesi non lo possono utilizzare. Spero che l'attuale sindaco, a suo tempo tra i promotori dell'iniziativa, si adoperi affinché venga deliberato al più presto tale regolamento (per approfondimenti sul baratto amministrativo  LINK  pdf).


 👓 Leggi tutto...  
                         

Dighe: analisi controcorrente

12/09/19 Avvocato del diavolo

I consorzi irrigui privati reggiani e i sostenitori della Diga di Vetto parmensi, a seguito del perdurare del silenzio assordante della politica regionale di fronte al maggior problema mondiale, quello dell'acqua, hanno deciso di proporsi alle prossime elezioni regionali con una propria lista, confidando nel buon senso dei cittadini che intendono garantire un futuro all'agricoltura di Reggio e Parma, ai paesi montani e a ridurre lo spreco delle acque montane, ben sapendo che le necessità idropotabili tra dieci anni aumenteranno del 50%, a fronte di un loro forte calo causato dall'inquinamento mondiale.
Una lista apartitica che darà il suo sostegno e si apparenterà a quella coalizione che metterà nel proprio programma il parere favorevole alla ripresa dei lavori della Diga di Vetto (sospesi il 15 agosto 1989 e mai ripresi; nonostante due Via, il giudizio di compatibilità ambientale del ministero dell'Ambiente e una sentenza della Cassazione a sezioni unite).
Comprendiamo che dire No è la cosa più semplice, specie per chi non sa o non vuole affrontare e risolvere i problemi reali di un territorio. Sulla Valle dell'Enza dicono No a realizzare un invaso utile come l'aria che respiriamo, pur disponendo di una località come la Stretta di Vetto che permette di impostare un piccolo sbarramento di 83 metri (20 metri più basso di quello di Ridracoli), in grado di trattenere le acque dell'Enza nei periodi di abbondanza o durante le alluvioni; il vero risparmio si fa invasando le acque quando ci sono per cederle a valle producendo energia pulita, dando ottima acqua a basso costo ai rubinetti di Parma e Reggio e all'agricoltura, non mandandola a mare.
Prossimamente si contatteranno i segretari dei vari partiti, le associazioni degli agricoltori, i sindaci, il mondo ambientale, quello vero, che vuole ridurre lo spreco delle acque di montagna e ridurre il prelievo di quelle da Po o da falda e migliorare il clima producendo energia pulita.
In ogni parte del mondo c'è la corsa a realizzare grandi invasi per l'accaparramento delle acque per gli usi idropotabili, irrigui e idroelettrici, mentre qui c'è la corsa a mettere le acque nelle bottiglie dei supermercati e ad usare gli idrocarburi per produrre energia elettrica o per succhiare le acque dalle falde a più di 100 metri di profondità.
Cittadini e persone di buon senso in occasione delle elezioni dovranno decidere se sostenere il bene acqua: chi governerà questa Regione non potrà più far finta di nulla.

(dalla "Gazzetta di Parma" di mercoledì 11 settembre, intervento di Lino Franzini promotore della Diga di Vetto)


 👓 Leggi tutto...  
                         

Innovazione

11/09/19 Benedetta

Un supermodificante per asfalto a base di grafene che, mescolato al bitume tradizionale, è in grado di aumentare la durata della pavimentazione stradale del 250%, a fronte di un incremento dei costi compreso tra il 10 e il 15 per cento.
Brevettato da Iterchimica, società della bergamasca attiva da 50 anni nel settore degli additivi per l'asfalto, Givape (questo il nome del supermodificante) è stato posato ieri a Milano sulla strada provinciale 35 Milano - Meda. Mentre a metà ottobre si asfalterà un tratto della strada provinciale 40 Lacchiarella.
Con queste due sperimentazioni (avviate in collaborazione con Città metropolitana di Milano) l'azienda conta di ultimare nel 2019 i test di laboratorio e sul campo, per arrivare alla commercializzazione del prodotto a partire dal 2020. Sia il prodotto (l'additivo Givape) che il processo produttivo sono coperti da brevetto internazionale.

(dal "Sole 24 Ore" di mercoledì 11 settembre, articolo di Antonio Larizza a pag. 12)


 👓 Leggi tutto...  
                         

Ciao Carlo.

07/09/19 Gianpiero

Un amico e soprattutto una buona persona.


 👓 Leggi tutto...  
                         
 <<< 
Pagina 116 di 342
 >>> 
Privacy Policy e Disclaimer