PONTEWEB

Ponte dell'Olio

online dal 2004
 Pandemia: clicca qui per le info ufficiali 
Privacy Policy

Buoni spesa: domande entro il 31 marzo

10117carrellosolidaleSul sito della nostra Unione (Unione Montana Alta Val Nure) è pubblicato (riaperto) il bando per l’accesso a misure urgenti di solidarietà alimentare (buoni spesa) per persone e nuclei che si trovano in grave situazione di disagio economico determinatosi per effetto delle conseguenze dell’emergenza sanitaria.
E' possibile inoltrare domanda, compilando l'apposito modulo (reperibile qui  FONTE ), dal 01 Marzo 2021 ed entro e non oltre le ore 13:00 del 31 Marzo 2021. Le domande dovranno essere compilate in ogni parte e complete della documentazione richiesta (le domande non complete verranno escluse dalla graduatoria).
Agli aventi diritto saranno assegnati i buoni spesa dal 11 al 30 Aprile 2021.
 FONTE 

Post scritto il 24/02/21 da Marino • tag: buonispesa


 👓 Leggi tutto...  
                         

Buoni spesa: il Governo “raddoppia”

30920piovpolpQualche giorno fa sono state accreditate ai Comuni le risorse del Fondo di solidarietà alimentare previste dall'art.2 del DL 157/2020.
Si tratta di 24.954 euro, somma uguale a quella già accreditata a marzo a seguito dell’ordinanza n.658/2020 della Protezione Civile.
Ci auguriamo che, con TRASPARENZA, venga pubblicato sul sito del Comune, sempre aggiornato, un elenco delle entrate riferite all’emergenza COVID, con accanto le relative dettagliate uscite.

Post scritto il 18/12/20 da PonteWeb • tag: fondicovid buonispesa


 👓 Leggi tutto...  
                         

Trasparenza nell’uso dei fondi pubblici

31354amministrazionetrasparenteCome ben sa chi segue PonteWeb, abbiamo ripetutamente chiesto la rendicontazione:
- dei 24.954 euro che ci sono stati assegnati per misure urgenti di solidarietà alimentare
- dei 1.020 euro di donazioni fatte dai cittadini pontolliesi per lo stesso scopo
 FONTE  senza però avere alcun riscontro.
Sappiamo solo che questi soldi sono stati trasferiti all’Unione Alta Val Nure: i primi con determina 174 del 27/05/2020 e i secondi con determina 298 del 09/09/2020.
Torniamo ancora a chiedere trasparenza (numero di richieste di aiuto pervenute, numero di richieste di aiuto trattate con esito positivo, numero ed entità di buoni spesa emessi, tipologie di beneficiari, ecc.).
Ad evitare fraintendimenti, questa richiesta di trasparenza, oltre a chi ha maggiore operatività in merito (Sindaco, assessore competente) è rivolta ad ognuno dei Consiglieri comunali, dato che ogni Consigliere ha prerogative tali per cui può accedere con immediatezza alle informazioni che i pontolliesi hanno il diritto, e meritano, di conoscere.

Post scritto il 15/12/20 da PonteWeb • tag: amicocomunetrasparente fondicovid buonispesa

👨
San Tommaso   A proposito del conflitto fra trasparenza e tutela della privacy: visto anche quanto accaduto per la scuola, con che criterio l’elenco dei percettori di questo o quel bonus viene reso pubblico o meno? 15/12/20
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Buoni spesa e fondo di solidarietà comunale

28646covidbuonispesarottofreno 28646covidbuonispesarottofrenoSarebbe un ottimo esercizio di TRASPARENZA se le Amministrazioni comunali rendessero note le informazioni relative ai Buoni spesa e al Fondo di solidarietà comunale:
- numero ed entità delle donazioni effettuate sul fondo di solidarietà comunale
- numero di richieste di aiuto pervenute
- numero di richieste di aiuto trattate con esito positivo
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti utilizzando i soldi che ci ha assegnato il Governo
- numero ed entità di aiuti distribuiti derivanti dal fondo di solidarietà comunale.
Così come, per esempio, fatto a Rottofreno.

Post scritto il 28/07/20 da PonteWeb • tag: buonispesa

👨
Marco   A Ponte si potrebbe cercare di fare anche meglio di Rottofreno. Si potrebbero pubblicare, ed eventualmente aggiornare, quegli stessi dati sul sito del Comune. Lì, dove basta avere l’accesso alla rete internet, ma non servono registrazioni od iscrizioni a nessun gruppo/social.
La trasparenza più compiuta è quella nella quale si mettono a fattor comune il maggior numero di dati certi.
Purtroppo sono e resteranno solo parole, parole utopiche.
Ce ne faremo una ragione.
Saluti a tutti.
Marco Boselli
28/07/20
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Trasparenza: un dovere per chi amministra la cosa pubblica

20298trasparenzacollaborante 20298trasparenzacollaboranteLeggiamo priodicamente su Libertà i resoconti dei Comuni in merito al sostegno dato alle famiglie in difficoltà economica.
Ciò premesso torniamo a chiedere TRASPARENZA, perché anche i cittadini di Ponte hanno diritto alla “conoscenza”, invitando nuovamente gli Amministratori comunali a rendere note le seguenti informazioni:
- numero ed entità delle donazioni fatte sul fondo di solidarietà comunale
- numero di richieste di aiuto pervenute
- numero di richieste di aiuto trattate con esito positivo
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti utilizzando i soldi che ci ha assegnato il Governo (€ 24.954,46  FONTE )
- numero ed entità di aiuti distribuiti derivanti dal fondo di solidarietà comunale.

Post scritto il 15/06/20 da PonteWeb • tag: buonispesa fondicovid


 👓 Leggi tutto...  
                         

Trasparenza: un dovere di chi amministra la cosa pubblica

Apprendiamo da Libertà che Caorso ha ricevuto donazioni da privati per 22.000 euro, donazioni finalizzate a sostenere le famiglie e gli individui in difficoltà economica. Dieci giorni fa  FONTE  segnalavamo la cifra raccolta a Rottofreno per lo stesso scopo: 25.000 euro 9362trasparenzacollaborante 9362trasparenzacollaborante e nel contempo chiedevamo TRASPARENZA invitando gli Amministratori comunali a rendere note le seguenti informazioni:
- numero di richieste di aiuto per buoni spesa pervenute
- numero di richieste di aiuto per buoni spesa trattate con esito positivo
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti derivanti dal fondo governativo (fondo che per per il nostro comune è di € 24.954,46  FONTE )
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti derivanti dal fondo di solidarietà comunale
- entità delle donazioni fatte su detto fondo di solidarietà comunale.
- numero di decessi .
A queste informazioni sarebbe opportuno fosse aggiunta la situazione "mascherine": quante ne sono arrivate, da chi sono arrivate, a quali categorie di utenti sono state consegnate (e in che quantità per ciascuna categoria).

Post scritto il 05/05/20 da PonteWeb • tag: coronavirus buonispesa fondicovid amicocomunetrasparente


 👓 Leggi tutto...  
                         

Trasparenza e COVID-19

29459sindacoIl Sindaco di Rottofreno, tramite Libertà di oggi, ha informato che al suo Comune sono pervenute 325 richieste di aiuto per buoni spesa, di cui 217 trattate con esito positivo. Sono stati distribuiti 934 buoni spesa con fondi governativi e 199 buoni municipali provenienti dal fondo di solidarietà comunale, per un totale di 22.660 euro (su un totale di donazioni di 24.684 euro alla data di venerdì 17 aprile).

Con la trasparenza che dovrebbe connotare ogni amministrazione comunale, sarebbe opportuno (doveroso?) che ogni Amministrazione comunale rendesse note, e mensilmente aggiornate, le seguenti informazioni:
- numero di richieste di aiuto per buoni spesa pervenute
- numero di richieste di aiuto per buoni spesa trattate con esito positivo
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti derivanti dal fondo governativo (fondo che per per il nostro comune apprendiamo essere di € 24.954,46  FONTE )
- numero ed entità di buoni spesa distribuiti derivanti dal fondo di solidarietà comunale
- entità delle donazioni fatte su detto fondo di solidarietà comunale.

Così come sarebbe opportuno che, fin che permarrà l’emergenza COVID-19, ogni Sindaco comunicasse, ogni fine mese, il numero di decessi nel proprio comune  FONTE .

Post scritto il 25/04/20 da PonteWeb • tag: coronavirus buonispesa fondicovid


 👓 Leggi tutto...  
                         

Bonus spesa: chi ha bisogno si affretti a chiederlo

Il Sindaco ha comunicato alla sua community social che sono "già diverse le richieste pervenute. I criteri scelti, dotati della flessibilità necessaria per affrontare la vasta platea di situazioni, consentiranno di dare un sostegno alle numerose famiglie cui l'epidemia ha causato difficoltà. Grazie alla generosità di alcuni concittadini che in queste settimane hanno donato al Comune varie borse di generi alimentari, qualora per una serie di motivi non fosse possibile assegnare i buoni ad un nucleo, il Servizio Sociale potrà comunque provvedere a tendere una mano mediante la diretta consegna di tali beni essenziali".
25206fabiocallegariCiò premesso ricordiamo che, grazie all'attività dell'assessore ai Servizi sociali Fabio Callegari e degli operatori del Servizio Sociale, l'Unione Montana Alta Val Nure ha adottato un regolamento per l'erogazione buoni spesa che NON richiede ISEE per cui tutto è più semplice e immediato. In altre parole, a Ponte, come in tutta l'Unione, chi non ha mai fatto ISEE in quanto non ne aveva bisogno, ma che ora si trova in difficoltà causa COVID, può presentare immediatamente la propria domanda.
Possono usufruire del bonus spesa le persone che si trovano in una delle seguenti situazioni:
- nuclei familiari in situazione di disagio economico determinatosi per effetto delle conseguenze dell’emergenza sanitaria COVID-19, non assegnatari di sostegno pubblico (RdC – anche attualmente sospeso, revocato o decaduto -, ReI, Naspi, Indennità di Mobilità, Cassa Integrazione guadagni, ogni altra forma di sostegno prevista a livello locale e/o regionale) con interruzione dell’attività lavorativa o in attesa di cassa integrazione;
- nuclei familiari in situazione di disagio economico determinatosi per effetto delle conseguenze dell’emergenza sanitaria COVID-19 a seguito di grave malattia o decesso di un componente del nucleo familiari percettore del reddito principale;
- nuclei familiari in situazione di disagio economico determinatosi per effetto delle conseguenze dell'emergenza sanitaria COVID-19 al cui interno è presente una persona con disabilità o invalidità;
- nuclei monogenitoriali in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell’attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19);
- nuclei familiari con 3 o più figli a carico in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell’attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19).;
- nuclei familiari con figli a carico in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell'attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19;
- nuclei familiari costituiti da un solo componente e in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell’attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19);
- nuclei familiari senza figli e in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell’attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19);
- nuclei familiari con 3 o più figli a carico in situazione di disagio economico (disoccupazione e/o sospensione dell’attività lavorativa legata alla situazione di emergenza COVID-19).
La richiesta per ricevere i buoni spesa o gli ulteriori aiuti disponibili, deve essere inoltrata ai seguenti contatti:
- sociale@comune-pontedellolio.it
- sociale2@comune-pontedellolio.it
- oppure da lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30 ai numeri: 0523/874415 e 0523/874432.
Per approfondimenti  FONTE 

Post scritto il 09/04/20 da PonteWeb • tag: buonispesa coronavirus comunicazioneistituzionale


 👓 Leggi tutto...  
                         

Buoni spesa

29132carrellosolidaleCremonaoggi informa che l'Amministrazione comunale di Cremona ha definito ieri le modalità di fruizione dei "Buoni spesa" e che già da domani potranno essere chesti al Comune per poter essere ritirati e spesi da lunedì 6 aprile.
Per chi fosse impossibilitato a muoversi è prevista la consegna a casa del buono stesso.
Dice il Sindaco di Cremona: "Siamo consapevoli che queste misure possono aiutare, ma solo per un tempo limitato. Pertanto anche su indicazione nazionale attiviamo un conto corrente Cremonaiuta che raccoglierà donazioni che saranno finalizzate a continuare questo lavoro di sostegno a persone e famiglie in difficoltà anche nelle prossime settimane".
Possono chiedere il contributo i cittadini che dichiarano di trovarsi in una delle seguenti condizioni in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Coronavirus Covid-19: interruzione o riduzione dell’attività lavorativa; in attesa di Cassa Integrazione; riduzione del reddito a seguito di grave malattia o decesso di un componente del nucleo familiare percettore del reddito principale; soggetti con Reddito di Cittadinanza attualmente sospeso, revocato e decaduto; nuclei familiari numerosi (5+ componenti); nuclei mono-genitoriali; anziani soli con pensione minima o in assenza di pensione; nuclei che a seguito del COVID19 si trovano con conti corrente congelati e/o nella non disponibilità temporanea dei propri beni e/o non possiedono strumenti di pagamento elettronici; nuclei con disabili in situazione di fragilità economica. Al contributo hanno diritto anche partite Iva e altre categorie come liberi professionisti non comprese nei dispositivi o in attesa dei dispositivi costruiti a livello ministeriale.
A questi cittadini l'Amministrazione comunale erogherà buoni spesa del valore di:
- 150 euro alle persone single
- 250 euro ai nuclei con due componenti
- 350 euro ai nuclei fino a 4 componenti
In caso di presenza di figli a carico, oltre il nucleo di 4 persone, 50 euro per ogni figlio. In caso di presenza di neonati-infanti 0-3: +150 euro.
 FONTE 

Post scritto il 01/04/20 da PonteWeb • tag: buonispesa


 👓 Leggi tutto...  
                         

A Ponte arrivano € 24.954 da destinare a solidarietà alimentare

8381ok 8381okLa Protezione civile ha pubblicato l'ordinanza nella quale indica le modalità di ripartizione delle risorse da destinare a misure urgenti di solidarietà alimentare  FONTE .
Ponte dell'Olio riceverà € 24.954  FONTE .
Riportiamo alcune parti dell'ordinanza:
3. I Comuni possono destinare alle misure urgenti di solidarietà alimentare di cui alla presente ordinanza eventuali donazioni. A tal fine è autorizzata l’apertura di appositi conti correnti bancari presso il proprio tesoriere o conti correnti postali onde fare confluire le citate donazioni. ...
4. Sulla base di quanto assegnato ai sensi del presente articolo, nonché delle donazioni ...., ciascun comune è autorizzato all’acquisizione, ....:
a) di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari presso gli esercizi commerciali contenuti nell’elenco pubblicato da ciascun comune nel proprio sito istituzionale;
b) di generi alimentari o prodotti di prima necessità.
5. I Comuni, per l’acquisto e per la distribuzione dei beni di cui al comma 4, possono avvalersi degli enti del Terzo Settore. Nell’individuazione dei fabbisogni alimentari e nella distribuzione dei beni, i Comuni in particolare possono coordinarsi con gli enti attivi nella distribuzione alimentare realizzate nell’ambito del Programma operativo del Fondo di aiuti europei agli indigenti (FEAD) .... Per le attività connesse alla distribuzione alimentare non sono disposte restrizioni agli spostamenti del personale degli enti del Terzo settore e dei volontari coinvolti
6. L’Ufficio dei servizi sociali di ciascun Comune individua la platea dei beneficiari ed il relativo contributo tra i nuclei familiari più esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 e tra quelli in stato di bisogno, per soddisfare le necessità più urgenti ed essenziali con priorità per quelli non già assegnatari di sostegno pubblico.

Post scritto il 30/03/20 da PonteWeb • tag: coronavirus buonispesa fondicovid

👨
Amleto   Se non si potrà accontentare tutti, meglio la trasparenza nella scelta dei beneficiari o la privacy a tutela dei soggetti deboli coinvolti? Questo è il problema... 30/03/20
👨
Nèsapulèr   A Gragnano, quasi 30mila abitanti in provincia di Napoli, sul sito del Comune hanno pubblicato il file pdf con i nomi, cognomi e le date di nascita delle 701 persone ammesse a ricevere il buono spesa. "La legge impone di pubblicare i beneficiari di importi pubblici" - taglia corto il sindaco di Gragnano, Paolo Cimmino - "il direttore dei servizi sociali ha ritenuto di fare così in base a un obbligo normativo".
Pudore e ragioni di privacy hanno però suggerito alla quasi totalità delle amministrazioni comunali di non mettere sul portale l’elenco. O di fare come il comune di San Giorgio a Cremano: il file c’è, ma dei 411 beneficiari ci sono solo le iniziali. "In ogni amministrazione ci sono opposizioni e i consiglieri già mi hanno chiesto l’elenco degli ammessi per fare verifiche", spiega il sindaco Giorgio Zinno. "In teoria se il dirigente non pubblica l’elenco può andare incontro a conseguenze davanti alla Corte dei Conti. La norma ci imponeva la pubblicazione, ma abbiamo fatto un passo verso la tutela della privacy".
(così scrive il "Fatto" di oggi, a pag. 15) 10/04/20
👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Buoni spesa per i pontolliesi

Ieri sera, dopo che il Governo ha annunciato un trasferimento di fondi ai Comuni, il nostro Sindaco ha prontamente commentato la notizia, declinando le ricadute per la nostra comunità.
Ho avuto modo di leggere il commento rilevando un tono decisamente
negativo
: “I 400 milioni di euro per buoni spesa, che per il nostro Comune si traducono in circa 20/30.000 €, comporteranno una mole incredibile di lavoro per i nostri Servizi Sociali. Tra criteri non definiti e la vasta platea di situazioni da verificare una ad una, sarà una discreta (eufemismo) impresa.”.
Questo mi risulta strano in quanto solitamente gli Amministratori locali chiedono di poter decidere loro come ripartire le risorse che lo Stato centrale mette a disposizione delle Amministrazioni periferiche, richiesta condivisibile in quanto, chi meglio degli Amministratori locali conosce nel dettaglio le esigenze del proprio territorio?
Il Sindaco avrebbe forse preferito “criteri calati dall’alto”?
Inoltre egli lamenta la durezza di questi provvedimenti, e qui proprio non so darmi spiegazioni. Anzi, ritengo la frase “Purtroppo, queste sono le regole e a queste dobbiamo necessariamente attenerci, … Dura lex, sed lex.” irriguardosa nei confronti di quei nostri concittadini che invece attendevano misure di questo genere, ed al limite la ritengono insufficiente nella quantità.
23742ideaA tal proposito, alla luce della recente approvazione del Bilancio Comunale consuntivo relativo all’anno 2019, che evidenzia un risultato positivo di tutto rispetto, mi permetto di suggerire che sarebbe il caso di integrare le risorse arrivate dal Governo centrale (anche alla luce del recente D.L.18/2020  FONTE  che consente di utilizzare l’avanzo per spese correnti connesse con l'emergenza in corso, in deroga ai limiti disposti dalla legge 145 del 30 dicembre 2018).
In conclusione mi pare di poter affermare che mai la citazione di Socrate mi apparì più inappropriata. Magari vi fossero più spesso altre “Dura lex” da 20/30.000 € a favore dei Servizi sociali del nostro territorio !!!
Saluti a tutti
Marco Boselli

Post scritto il 29/03/20 da Marco • tag: buonispesa

👨
John Connor   Credo che il "tono negativo" rilevato, sia dovuto al fatto che ora questa Amministrazione dovrà per forza prendere delle decisioni.... quando si prendono decisioni si possono commettere errori, dimenticanze e quasi sempre si accontenta qualcuno e si scontenta qualcun’altro.... è nell’ordine delle cose che succeda. Questo comporta inevitabilmente critiche.
La mia sensazione è che questa amministrazione punti a fare il meno possibile certa, in questo modo, di sbagliare il meno possibile. Questa mia sensazione è corroborata dalla critica ai criteri di assegnazione dei fondi, in quanto come giustamente osservato da Boselli, solitamente i Sindaci sono felicissimi di poter disporre direttamente dei fondi anche perché, cosa possono saperne a Roma o Bologna di quali sono le persone ed i nuclei famigliari "deboli" ?
Ora vedremo, e sarà sotto gli occhi di tutti, la capacità dell’amministrazione di gestire i fondi destinati alla nostra comunità. 30/03/20
👨
Marco  
Sul social Facebook, il Sig. Pierluigi Valla, interviene con un commento su quanto io ho qui scritto (vedi immagine). Signor Valla, mi permetto di rivolgermi a lei direttamente dicendole che mi spiace di averle provocato irritazione. Per quanto attiene al sentimento di pena suscitatole beh, per quello ho meno rimorso, solitamente è superabile in poco tempo. Detto questo entriamo nel merito dei suoi rilievi. Mi sono riletto quanto ho scritto e non ho trovato “esasperate reazioni….” , pur dovendo effettivamente osservare le recenti restrizioni imposte. Vede, l’appunto secondo il quale si contesterebbe a prescindere “ha fatto…non ha fatto…” non mi trova d’accordo, in quanto cerco di portare nei post un ragionamento, naturalmente opinabile, entrando nel merito delle questioni, e non contestando sui massimi sistemi. E proprio per entrare nel merito del mio post di cui sopra, ho rilevato, mia opinione, proprio un siffatto atteggiamento da parte del Sindaco, allorquando nel suo report di sabato 28 Marzo, di fronte ad una somma, ancorché modesta, messa dal Governo a disposizione dei comuni, sembrava più lamentarsene che non rallegrarsi, non tenendo conto dell’altrettanta dose di stress che presumibilmente sta gravando sul Presidente del Consiglio. Ad esempio, nel report di ieri 29 Marzo mi è parso invece di cogliere tutto un altro tono, e considero un’ottima notizia la dichiarata intenzione di verificare la possibilità di integrare la somma messa a disposizione dal governo con fondi del proprio bilancio (cosa rispondente agli auspici del mio post).
A proposito del passaggio sugli “…….intellettuali da tastiera nostrani…”. Io non ritengo di appartenere alla categoria degli intellettuali, tutt’altro, ma ancora meno sono da tastiera, se con quel termine intende classificare coloro che si manifestano solamente in rete. Nel corso degli anni è risaputa la mia partecipazione, di persona, perfino eccessiva, alle varie discussioni con esponenti politico-amministrativi locali, non esclusi gli attuali.
Sul fatto “…siamo ancora in tanti a dare consigli…”, solitamente su queste pagine si viene accusati a giorni alterni, di non fare proposte, oppure di sapere sempre tutto, quindi di farne troppe. Mi va di lusso il suo commento nel quale rileva di non ricordare siano uscite buone idee, significa che lo sforzo di farle è stato fatto. Una maggiore e più qualificata partecipazione, forse le potrebbe produrre, diversamente rimarrebbe solo il …non disturbare il manovratore, ma non credo si sia ancora fermi li.
Riguardo alla “…stucchevole polemica…” , rispetto la sua opinione, ma anche ripensandoci credo, come detto, di poter ribadire che mi sforzo di postare entrando nel merito delle questioni, post che possono trovare condivisione o essere avversati, ma hanno l’intento di portare un punto di vista sull’argomento trattato, soprattutto senza maleducazione.
A proposito di maleducazione, in commenti successivi al suo, mi viene chiesto di arieggiare il cervello prima di scrivere. Con il passare degli anni ho smussato la permalosità che mi caratterizzava da giovane, quindi accetto il consiglio, lo metterò in atto a partire dal prossimo post, quello di domani.
Saluti a tutti.
Marco Boselli 30/03/20
👨
John Connor   Mi fanno molto ridere quelli che dicono "criticate senza proporre", per due motivi:
1) critichiamo portando ad esempio cosa si potrebbe fare quindi le proposte le facciamo eccome
2) NON sta a noi trovare soluzioni ma a chi governa!!
Questo, almeno questo spero che sia chiaro. 30/03/20
👨👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         
Pagina 1 di 1