PONTEWEB

Ponte dell'Olio

online dal 2004

Edifici scolastici: Nihil sub sole novum?

25/10/14 Marino • tag: ammcomunale

Oggi Libertà riporta un virgolettato del Sindaco Copelli: « Il primo obiettivo è rimettere in sicurezza quella struttura  (l'edificio delle medie in via San Bono ndr) che è patrimonio della comunità».
Ieri l'assessore Paraboschi scriveva su Facebook: "La gestione e la destinazione degli spazi che si libereranno (nelle scuole elementari ndr) sarà uno dei temi del percorso partecipato".

Questi due autorevoli interventi testimoniano che la Giunta ha già scelto? E danno un'indicazione su quelli che sarebbero i gradi di libertà nell'ambito di un eventuale percorso partecipato?

Ognuno si darà una sua risposta. In ogni caso, se così fosse, è una scelta legittima e ne prenderei atto... ma allora dovrei anche prendere atto che non c'è nulla di nuovo sotto il sole :mm .

👨
MattiaPascal   Mi permetto un'obiezione. Per percorso partecipato cosa si intende? Può essere tanto un referendum popolare in cui i cittadini scelgono fra progetti alternativi come un'assemblea pubblica dove ha ragione chi si organizza meglio e grida più forte. Non sono la stessa cosa... 25/10/14
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Consigli di Frazione

24/10/14 Marino • tag: ammcomunale consiglidifrazione

28648consfrazAl termine del ciclo di votazioni,
i Consigli di Frazione sono così composti:

- Area NORD (Folignano, Zaffignano, Torrano):
Alessandra Fioretto, Paolo Bugattella, Alessandro Briola

- Area SUD (Biana, Cassano):
Riccardo Passafonti, Anna Valentini, Luigi Ambri

- Area SUD-EST (Castione, Montesanto):
Tiziana Gaeta, Gian Piero Devoti, Stefania Fumagalli

- Area EST (Sarmata, Veggiola, S. Maria del Rivo):
Massimiliano Paraboschi, Daniela Ferrari, Lucio Cammi .

I Consiglieri di Frazione restano in carica 5 anni, hanno compiti consultivi sui programmi del Comune e sulle esigenze specifiche di zone del territorio comunale. Essi sono tenuti a raccogliere le istanze dei cittadini residenti nell'area geografica di competenza e ad elaborare proposte da sottoporre all'Amministrazione Comunale relativamente alle problematiche rilevate. I Consiglieri di Frazione hanno il diritto di chiedere all'Amministrazione Comunale due incontri formali ogni anno. L'Amministrazione Comunale ha l'obbligo di fissare la data dell'incontro entro cinque giorni dalla notifica della richiesta.


 👓 Leggi tutto...  
                         

Indennità e gettoni di presenza: mozione

23/10/14 Marino • tag: ammcomunale indennitàamministratori

Oggetto: Rimodulazione delle indennità e dei gettoni di presenza di sindaco, vice-sindaco, assessori e consiglieri comunali e destinazione delle risorse risparmiate in favore di soggetti singoli o famiglie in condizioni economiche gravi e/o precarie.

Premesso che:
-le situazioni di disagio economico in Italia riguardano un'ingente frazione di popolazione e che, come testimoniato dai dati ISTAT aggiornati al 14 luglio 2014, la percentuale delle famiglie italiane in condizione di povertà assoluta (difficoltà a procurarsi beni di prima necessità) è passata dal 4,9% riferito all'anno 2009, al 7,9% dell'anno 2013
dato che:
-a fronte del Decreto Legge 24 aprile 2014, n. 66, recante “Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale”, convertito con modificazioni dalla Legge 23 giugno 2014, n. 89, sono stati imposti agli Enti Locali tagli per 700 milioni di euro, provocando contestualmente una riduzione dell'offerta di servizi e, più frequentemente, un' incremento dell'imposizione fiscale a carico dei cittadini
-a fronte della Legge 7 aprile 2014, n. 56, recante “Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni”, mediante la quale, per il Comune di Ponte Dell'Olio, facente parte della fascia di popolazione 3000-4999 abitanti, si è disposta la riduzione del numero di amministratori da 17 a 13
visto che:
-i trasferimenti statali erogati all'Ente comunale, secondo quanto riportato dal Sistema Informativo delle Operazioni degli Enti pubblici (www.siope.it, sito istituito dalla Banca d'Italia), ammontanti rispettivamente a 844.000 euro nell'esercizio 2009, hanno visto il proprio progressivo ridursi fino alla cifra di 244.000 euro, stanziata nel Bilancio di Previsione 2014
-la pressione fiscale locale, a seguito soprattutto dei suddetti tagli, è aumentata nel corso degli anni, rispettivamente:
a. addizionale comunale IRPEF, dallo 0,2% dell'anno 2010 e precedenti, a 0,4% nel 2011 e allo 0,6%, con soglia di esenzione fino a 10.000 euro nel 2012 e attualmente in vigore
b. introduzione della TASI, anno 2014, sulle abitazione principali, con aliquota deliberata all' 1x1000
c. aumento dello 0,8 x 1000, anno 2014, (aliquota di partenza 9 x 1000) dell'IMU sul tutte le abitazioni non rientranti nel concetto di “abitazione principale e relative pertinenze”
-nonostante la riduzione del numero di amministratori eletti, il totale dell'esborso per indennità e gettoni di presenza è rimasto invariato rispetto al periodo antecedente la riforma Delrio
considerato che:
-attraverso un azzeramento dei gettoni di presenza dei Consiglieri comunali, attualmente corrispondente a 7,32 euro, e a una riduzione del 10% delle indennità dei membri della Giunta sarebbe possibile reperire una cifra attorno 2.800 euro annui
-seppure il recupero di risorse sia di lieve entità, è comunque possibile utilizzare tale risparmio in operazioni a favore di soggetti singoli/famiglie a reddito basso o nullo, destinandolo alle voci “Contributi economici a minori e famiglie”, “Fornitura gratuita libri scuola” e/o “Esonero pagamento mensa scolastica”
-l'azione di auto-diminuzione delle retribuzioni a noi spettanti, quindi un minore impegno di spesa per i costi cosiddetti “politici”, oltre a un risvolto reale concreto, avrebbe anche un'importante valenza morale e sociale, soprattutto in un momento storico in cui istituzioni e governanti richiedono continuamente sacrifici e sforzi alla popolazione
24471chiesaSI APPROVA:
-l'azzeramento dei gettoni di presenza dei Consiglieri comunali e la riduzione del 10% delle indennità spettanti ai membri della Giunta
-la destinazione delle risorse risparmiate, parzialmente o interamente, a una o più delle voci sopracitate
Alessandro Chiesa


 👓 Leggi tutto...  
                         

Edifici scolastici: interpellanza di Tradizioni e Sviluppo

23/10/14 Marino • tag: ammcomunale

Oggetto: PERIZIA-IMMOBILE SCUOLA “AUGUSTO VACCARI”
Premesso che il gruppo Tradizioni e Sviluppo ha condiviso, anche in sede di Consiglio, l'affidamento di un incarico professionale finalizzato ad un approfondimento delle condizioni del plesso scolastico A.Vaccari, sia perché parte del proprio programma elettorale, sia perché qualsiasi decisione circa il fabbricato in questione deve essere supportata da sufficienti e incontestabili elementi tecnici.
Nonostante questo, con rincrescimento, si rileva che i gruppi di Minoranza non sono stati informati del nominativo dello studio a cui è stato affidato l'incarico e non sono stati invitati alla serata pubblica organizzata per dare conto dei risultati della perizia, ma hanno appreso la notizia soltanto attraverso i mezzi di informazione.
L'esame strutturale ha messo in evidenza una pressoché nulla resistenza al sisma e una condizione statica del fabbricato non ottimale, riportante numerosi elementi di fragilità.
5425reboliA fronte di una situazione così compromessa e considerato che l'edificio doveva essere a norma in relazione agli eventi sismici e non solo dal punto di vista statico, si ritiene che la decisione assunta dalla precedente amministrazione, presumibilmente col supporto dell'ufficio tecnico comunale, sia stata del tutto adeguata, soprattuto considerato il momento storico, ossia l'anno 2012, che ha visto numerosi fenomeni sismici attraversare la Regione Emilia-Romagna con danni ingenti a persone e cose; il che ha sicuramente e giustamente fatto propendere per una decisione prudenziale, volta a garantire la massima sicurezza alla popolazione.
17692chiesaConsiderata, inoltre, l'ipotesi economica formulata per un'eventuale recupero dell'immobile,
SI CHIEDE:
all'amministrazione come intenda procedere per approfondire questi aspetti nelle sedi adeguate e quale percorso la stessa amministrazione intenda adottare al fine di assumere le decisioni circa la scuola, in modo partecipato e condiviso.
Piera Reboli
Alessandro Chiesa

👨
Marino   Riporto, ripreso da Facebook, un commento sul tema scritto da Valentina: Io spero solo che si avvii un processo di condivisione e partecipazione... anche se l'impressione è che la decisione sia giá stata presa. Dico solo due cose: 1.l'anno scorso quando ci si é incontrati con genitori insegnanti e amministrazione l'unica cosa che é emersa é stata che essere tutti in una stessa struttura portava grandi vantaggi sia organizzativi, sia didattici sia di economie di scala... Se proprio si deve fare economia allora spendiamo ancora meno, ampliamo, con quel che serve (laboratori/ palestra ecc) la scuola elementare e il gioco é fatto 2. i 700mila (a cui personalmente credo poco) sono preventivati per il recupero antisismico, e tutto il resto? Staremo 4-5 anni con una scuola in disuso, perché da sistemare, e quando ci rientriamo avremo solo ridotto il rischio antisismico.. ma riscaldamento, tecnologie varie, interni resteranno vecchi... tanto sforzo per niente insomma... Intanto che la scuola é vuota o la si ristruttura bene, e allora posso credere che le si allunga la vita di 50 anni, altrimenti ha tutto veramente poco senso, certo é che la cifra non sará di 700 ma ben piú alta. 23/10/14
👨
Pepito   Concordo pienamente con Valentina Aloja. Inoltre ricordo a tutti che, per rendere sicura e a norma l'attuale scuola elementare dopo l'emergenza, sono già state spese dal Comune varie centinaia di migliaia di euro e con gli interventi sono stati recuperati degli spazi (nella parte vecchia) che fino ad allora erano poco o mal sfruttati. Cosa sarà di questi spazi (e dei soldi investiti per recuperarli) nel caso si prosegua con il recupero delle medie? 24/10/14
👨
Marino   Riporto da Facebook un autorevole commento dell'assessore Massimo Paraboschi: "La gestione e la destinazione degli spazi che si libereranno (nelle scuole elementari ndr) sarà uno dei temi del percorso partecipato". 24/10/14
👨👨👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Consiglio comunale 22 ottobre 2014

23/10/14 Marino • tag: ammcomunale

In apertura del Consiglio di ieri sera è stata data una buona notizia: a seguito della ridefinizione del contratto con Enel Sole, il costo di manutenzione dei punti luce di proprietà della stessa è passato da 49euro a 35euro per un minor costo annuo di circa 7.000euro.

Il merito agli edifici scolastici, il Sindaco ha anche informato che la Giunta è impegnata a capire quali risorse siano disponibili: i tempi per arrivare a fruire dei prossimi prevedibili finanziamenti sono però strettissimi (su questo tema Piera Reboli e Alessandro Chiesa hanno presentato un'interrogazione).

In merito al caso "profughi", il Sindaco ha comunicato che sta attentamente monitorando la situazione e che al momento non si rilevano disagi significativi.26404peroni

Nel prosieguo della serata ho apprezzato l'intervento di Francesco Peroni che, in merito al protocollo con la Prefettura in cui è previsto l'impegno di richiedere "le informazioni antimafia ... per gli appalti e le concessioni di lavori pubblici di importo superiore a 250.000euro", ha proposto di ridurre considerevolmente tale importo. La sua richiesta non è stata accolta.

16357trioliCosì come ho apprezzato la forma e la sostanza del pacato e dettagliato intervento di Gianni Trioli relativamente alle motivazioni tecniche e politiche che hanno portato all'approvazione delle modifiche urbanistiche richieste da Lidl.

👨
Giobbe   Dopo l'approvazione del regolamento, cos'altro occorre per la trasmissione in streaming delle sedute del Consiglio? 23/10/14
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Aumentano le tasse locali? E i consiglieri si azzerano l'indennità!

20/10/14 Marino • tag: ammcomunale indennitàamministratori

15492ok 15492okContestualmente all'aumento delle tasse locali, il Consiglio comunale di Lugagnano, ha deliberato l'eliminazione dell'indennità di presenza dei suoi 8 consiglieri comunali.

Ancor prima che un atto di opportunità politica,
un atto di buon senso?


 👓 Leggi tutto...  
                         

Riprese video Consiglio comunale

09/10/14 Marino • tag: ammcomunale ripreseconsiglio

E finalmente abbiamo il Regolamento che disciplina la ripresa e la trasmissione dei Consigli comunali. Nel regolamento ci sono passaggi che mi hanno generato dubbi. Se la bozza fosse stata palesata ai cittadini prima della trattazione in Consiglio  LINK , avrei certamente segnalato i miei dubbi e magari, in sede di conversione, il Consiglio avrebbe potuto meglio definire il Regolamento. Ecco i miei dubbi...
- Quale è il comportamento che il Consiglio deve tenere in caso di guasto del sistema di ripresa/trasmissione? Il Consiglio prosegue o deve essere sospeso e se occorre aggiornato a nuova data?
- Che significato ha l'art.4 dato che, per i casi elencati, è obbligatoria la seduta segreta?
- Se l'articolo 3 recita "I consiglieri durante i lavori del Consiglio non possono in alcun modo impedire che la propria voce venga registrata", significa che il Consigliere può invece rifiutarsi di essere inquadrato dalla telecamera?
- Per i motivi di cui sopra, altri attori del Consiglio non consiglieri (assessori esterni, segretario, tecnici ed esperti invitati, cittadini che intervengono in caso di Consiglio aperto, ecc.), possono invece impedire che la loro voce venga registrata? O addirittura possono pretendere di non essere ripresi?
10163unanuovaalbaQuesti sono i miei dubbi, ma forse anche altri cittadini avrebbero potuto dare un proprio contributo se fossero sati messi in condizione di farlo perché "solo avendo a disposizione tutte le informazioni necessarie il cittadino può esercitare realmente il suo diritto alla partecipazione attiva e confrontarsi con gli eletti in maniera utile".

PS: Opinione: continuo ad essere del parere che il miglior regolamento sarebbe stato: art.1 si acquista una webcam da 20 euro, si appoggia su una sedia della sala consigliare, si collega a internet tramite un PC e si trasmette quello che potrebbe vedere e sentire un cittadino se fosse seduto su quella stessa sedia . art.2 ogni altro articolo è superfluo.  LINK 

👨
Marino   Regolamento riprese Consiglio Comunale. Art. 1 (Finalità)
Il presente Regolamento disciplina il servizio delle riprese audiovisive e trasmissione televisiva o a mezzo web delle riunioni di Consiglio Comunale che saranno effettuate direttamente dal Comune di Ponte dell’Olio.
Le norme del presente Regolamento integrano le altre disposizioni di legge aventi attinenza con la tutela del diritto alla riservatezza e con il diritto di accesso alla documentazione amministrativa, conformemente a quanto stabilito dalle leggi in materia, con lo Statuto e con i relativi Regolamenti comunali vigenti.
Art. 2 (Funzioni)
Il Comune di Ponte dell’Olio attribuisce alla diffusione televisiva e/o attraverso web delle sedute pubbliche del Consiglio Comunale la funzione utile di favorire la partecipazione dei cittadini all’attività politico-amministrativa dell’Ente.
Art. 3 (Informazione sull’esistenza di telecamere)
Il Presidente del Consiglio ha l’onere di fornire preventiva informazione a tutti i partecipanti alla seduta consiliare circa l’esistenza di impianti di registrazione e/o videocamere e della successiva trasmissione delle immagini, disponendo anche ai fini della conoscenza da parte del pubblico che nella sala consiliare vengano affissi specifici cartelli.
I consiglieri durante i lavori del Consiglio non possono in alcun modo impedire che la propria voce venga registrata.
Art. 4 (Tutela dei dati sensibili)
Al fine di prevenire l'indebita divulgazione dei dati qualificati come "sensibili" dal D.Lgs. N° 196/2003, per tutelare ed assicurare la riservatezza dei soggetti presenti o oggetto del dibattito, sono assolutamente vietate le riprese audiovisive ogni qualvolta le discussioni consiliari abbiano ad oggetto dati che attengono lo stato di salute, l'origine razziale o etnica, le convinzioni religiose o filosofiche, l'adesione a sindacati, associazioni a carattere religioso, filosofico o sindacale, la vita e le abitudini sessuali. Parimenti sono assolutamente vietate le riprese audiovisive ogni qual volta le discussioni consiliari hanno ad oggetto dati che, insieme a quelli sensibili, vanno a costituire la categoria dei dati “giudiziari” vale a dire quelli che sono idonei a rivelare l'esistenza, a carico dell'interessato di alcuni provvedimenti di carattere penale.
Le riprese audiovisive riguardanti discussioni consiliari aventi ad oggetto dati diversi da quelli sensibili o giudiziari che presentino, tuttavia, rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità dell'interessato, in relazione alla natura dei dati e alle modalità del trattamento o agli effetti che può determinarne, possono essere limitate sulla base di richieste pervenute in tal senso da parte del Presidente del Consiglio, di privati o di ciascuno dei Consiglieri comunali, con votazione all’unanimità del Consiglio Comunale.
Art. 5 ( Limiti di trasmissione e commercializzazione)
La diffusione delle immagini televisive è consentita in ambito locale, nazionale e su web.
E’ vietata la diffusione parziale delle riprese effettuate, che violi il principio di imparzialità ed unitarietà/integralità dell’argomento oggetto di discussione in quanto in contrasto con le finalità dell’informazione pubblica completa e trasparente,
E’ vietato il commercio del materiale audiovisivo da parte di chiunque.
Art. 6 (Norma di rinvio)
Per quanto non espressamente disciplinato nel presente Regolamento, si applicano le disposizioni di cui al codice in materia di protezione dei dati personali e, per la parte ad esso attinente, del Regolamento comunale per la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi e del Regolamento di organizzazione e funzionamento del Consiglio Comunale.
Art. 7 (Entrata in vigore)
Il presente regolamento entra in vigore ad intervenuta esecutività della deliberazione con cui è stato approvato.

09/10/14
👨

 👓 Leggi tutto...  
                         

Consiglio comunale: è etico astenersi nelle votazioni ?

08/10/14 Marino • tag: ammcomunale

8691225px-Duccio_maesta_detail4Leggendo i verbali dell'ultimo Consiglio comunale mi ha colpito l'utilizzo della "astensione" al momento della votazione dei vari punti all'ordine del giorno. Per tale motivo mi accingo a scrivere un post lungo e forse noioso, ma, se hai la pazienza di seguirmi, forse alla fine concorderemo che, su questa prassi, è necessaria una riflessione.

Nell'ultimo Consiglio l'astensione è stata abbondantemente utilizzata...

Delibera 65 Variazione al Bilancio di previsione.
Astenuti n. 2 (Reboli Piera; Chiesa Alessandro);
La delibera non riporta la dichiarazione di astensione né la motivazione dell'astensione.

Delibera 66 Controllo e salvaguardia equilibri di bilancio e stato attuazione dei programmi.
Astenuti n. 4 (Reboli Piera, Chiesa Alessandro; Peroni Francesco, Callegari Fabio);
A verbale solo il Consigliere Peroni dichiara preventivamente l’astensione. Il verbale non riporta la preventiva dichiarazione di astensione degli altri tre consiglieri. Per nessuno dei quattro astenuti è verbalizzata la motivazione dell'astensione.

Delibera 68 Variante specifica al Piano Regolatore Generale.
- Variante R1 Astenuti n. 2 (Peroni Francesco, Callegari Fabio);
- Variante R2 Astenuti n. 4 (Reboli Piera, Chiesa Alessandro, Peroni Francesco, Callegari Fabio);
La delibera non riporta la dichiarazione di astensione né la motivazione dell'astensione.

Delibera 70 Concessione locali in comodato d'uso al Consorzio Ambientale Pedemontano.
Astenuti n. 1 ( Trioli Gianni)
Nel verbale viene motivata l’astensione di Trioli (...dal fatto che il Vice-Sindaco Gianni Trioli riveste la qualità di Presidente del Consorzio Ambientale Pedemontano) ma non viene verbalizzata la non presenza dello stesso alla discussione.

Cosa dice la legge?
DL 18 agosto 2000, n. 267 Articolo 78 comma 2. Gli amministratori ... devono astenersi dal prendere parte alla discussione ed alla votazione di delibere riguardanti interessi propri o di loro parenti o affini sino al quarto grado. L'obbligo di astensione non si applica ai provvedimenti normativi o di carattere generale, quali i piani urbanistici, se non nei casi in cui sussista una correlazione immediata e diretta fra il contenuto della deliberazione e specifici interessi dell'amministratore o di parenti o affini fino al quarto grado.

Qualche considerazione
Delibera 70: bene ha fatto ad astenersi il Vice-Sindaco Trioli. Il suo comportamento non solo è stato opportuno, ma anche dovuto per legge.
Cosa dire invece delle astensioni relative alle altre delibere?
- Erano in discussione argomenti ai quali gli astenuti personalmente e/o loro parenti sino al quarto grado avevano interesse tale da imporne per legge l’astensione?
- Tra la documentazione preparatoria al Consiglio, erano forse mancanti documenti che non hanno permesso il voto in scienza e coscienza?
- Il consigliere non ha potuto prendere visione della documentazione preparatoria al Consiglio per personali impreviste e imprevedibili cause di forza maggiore?
Nessuna di queste motivazioni è stata verbalizzata ma nemmeno è stata espressa a voce durante il Consiglio.
8950dubbio 8950dubbioPotrebbe allora essere che queste astensioni siano sintomo di non completa comprensione del ruolo di Consigliere?
E' ammissibile che, in assenza di motivazioni previste dalla Legge e in assenza di motivazioni tecniche (oggettive o personali), un Consigliere comunale non esprima la propria valutazione?
Il Consigliere non è forse stato eletto per amministrare, e quindi per valutare e per decidere? E, specialmente se di Minoranza, salvo i casi sopra accennati, non ha forse il dovere politico di dare un giudizio (con il voto) sulle scelte della Maggioranza?
E' quindi opportuno augurarsi che in futuro l'astensione sia utilizzata seguendo ciò che prescrive la Legge e nel rispetto etico e politico del ruolo a cui si è stati eletti?


 👓 Leggi tutto...  
                         

Bravo Sindaco

07/10/14 Marino • tag: ammcomunale

10005tavoledellalegge 10005tavoledellaleggeNel post che mi accingo a scrivere esprimo un'opinione.
Plaudo al sindaco Copelli e alla sua Maggioranza per aver reso pubblica la perizia sulla scuola media ancor prima di presentarla nell'incontro di mercoledì 15 ottobre. La possibilità di leggere e prendere confidenza con i documenti che poi ci verranno spiegati è un'ottima modalità di mettere in pratica i principi che dovrebbero caratterizzare i prossimi cinque anni.

Io penso che: l'amministratore deve maturare una visione e formulare soluzioni, deve poi trasferire visione e soluzioni al cittadino, lo deve ascoltare, deve decidere; il cittadino deve dare il proprio contributo all'amministratore e poi deve poter valutare la decisione dell'amministratore (è per questo che deve poter disporre dei dati grezzi da cui è partito e si è sviluppato il processo decisionale).
In estrema sintesi, alla fine del processo:
l'amministratore decide, il cittadino (consapevole) valuta.
16883ok 16883ok
L'amministratore onesto sa che "se le cose sono fatte in coscienza e legittimità non c'è nulla da nascondere", e Copelli, su questo aspetto metodologico, mettendo immediatamente a disposizione i dati grezzi, non mediati, sta dando prova di essere sulla strada giusta...


 👓 Leggi tutto...  
                         

Spese per il personale

07/10/14 Marino • tag: ammcomunale

A seguito del post relativo a Cadeo  LINK , post in cui ho citato un rapporto "Spese per il personale / Residenti" di 142 euro/residente rispetto al ben più alto 187 euro/residente di Ponte, ho approfondito l'aspetto "Spese per il personale" nei comuni con i quali solitamente ci confrontiamo. Ecco di seguito la tabella riassuntiva. Ho reperito i dati sul sito del Ministero dell'Interno. Essi si riferiscono ai bilanci consuntivi 2012 (i più recenti disponibili e confrontabili).

Anno 2012Spese PersonaleResidentiSpesa/residente
Rivergaro745.0006.991107
Podenzano1.195.0009.179130
SanGiorgio783.0005.834134
Vigolzone623.0004.322144
Carpaneto1.106.0007.612145
Ponte929.0004.963187


Nella tabella che segue riporto invece il rapporto Spese correnti totali / Residenti.
La lettura congiunta delle due tabelle aiuta a capire meglio "come siamo messi".

Anno 2012Spese correnti TotaliResidentiSpesa/residente
Podenzano3.955.0009.179431
Rivergaro3.184.0006.991455
SanGiorgio2.920.0005.834501
Carpaneto3.929.0007.612516
Ponte2.592.0004.963522
Vigolzone2.267.0004.322525



 👓 Leggi tutto...  
                         
Pagina 1 di 16
 >>> 
Privacy Policy e Disclaimer